domenica, dicembre 04, 2005

RISPOSTA A ROBERTO BECCANTINI la stampa): BECCANTINI, AVEVATE RAGIONE TU E I TUOI AMICI DELL"ASSOCIAZIONE A DELINQUERE MEDIATICA "O.D.G" DELLA CUOPOLA RCS-ESPRESSO-REPUBLICA: CORRIERE DELLA SERA-GAZZETTA DELO SPORT - LA STAMPA, E' LEI BECCANTINI L'ONORATO PORTA BORSE

BURATTINAI & BURATTINI - CREDITORI & DEBITORI - 23 FEBBRAIO 2005 
  Il patto d'acciaio Geronzi-Carraro, ovvero l’asse che governa il mondo del pallone (con Adriano Galliani). E, come si usava un tempo, ogni patto d’acciaio deve trovare il suo suggello di sangue: ed è così che sboccia l’amore tra Benedetta Geronzi e Luigi Carraro (figlio di Franco) che cominciano dando alla luce due creature, Netcorp e Filmworld, impegnate nel settore delle produzioni cinematografiche, con clienti eccellenti del calibro di "Telecom e Tim", tanto per dire "Marco Tronchetti Provera, quindi Inter". 
FATTI & FATTACCI DELLA CUPOLA DEL MALE - CESARE GERONZI-TRONCHETTI PROVERA
Per Benedetta, dal Bali arriva, una srl in vita da pochi mesi, e da Monastir, altra società a responsabilità limitata, mentre più prosaica la partecipazione nell’ennesima srl di turno, Iniziative immobiliari.

Un vero vulcano in piena, asso pigliatutto di presidenze (negli ambienti finanziari lo chiamano “poltronissima”) è dal canto suo Franco Carraro, una vita alla guida del mondo pallonaro ma non solo: il suo nome, infatti, fa capolino in uno sterminato arcipelago societario, che va dai colossi del mattone (una su tutte, l'Impregilo del gruppo Romiti-Rcs) 
CESARE ROMITI-FRANCO CARRARO

a quelli di minori dimensioni ma ugualmente preziosi (Smeralda holding, Shardana e Land Holding operano tutte, come agili srl, nel dorato panorama immobiliare sardo, quartier generale ad Arzachena: la prima, per comprare alcuni alberghi tra Cala di Volpe e porto Cervo un tempo dell’Aga Khan, ha ottenuto un fido per 290 milioni di euro, guarda caso, da Capitalia…), fino al settore tessile con epicentro al Sud a bordo della Tessilcarraro Salerno, per continuare in gloria con l’Alta velocità (è presente nel consorzio Cavet attivo in Emilia ed in quello impegnato lungo la tratta Torino-Milano).

A proposito di Piemonte, e per tornare allo sport, ecco l’onnipresente Carraro tra i primattori nel “Comitato per l’organizzazione dei XX Giochi olimpici invernali di Torino 2006”, ai nastri di partenza.

Ma la chicca - che ci riporta di nuovo agli stadi - si chiama MCC. Ovvero il Mediocredito Centrale, quello che aprì i suoi rubinetti - appunto per 33 milioni di euro - a favore del Napoli targato Corbelli.

Fino al 2002 la banca d’affari Mcc faceva capo unicamente a Capitalia; poi, man mano, le porte e i portoni si sono aperti alla crema imprenditorial-pallonara: il 20 per cento delle azioni, infatti, è stato equamente suddiviso tra Fininvest e Telecom (Milan e Inter), Parmalat (Tanzi-Parma), Technogym e Toro assicurazioni, Lamaro costruzioni (gruppo Toti), fino alla Hopa di Emilio Gnutti, fedelissimo dei furbetti del quartiere e dell’ex capo coop Giovanni Consorte. 
I DUE BRACCI ARMATI DEL POTERE MASSONE: CESARE GERONZI E SILVIO BERLUSCONI

Un bel minestrone. Da qui risulta chiaro, quindi, come Romafides abbia molto potere gestionale nel Napoli Soccer di Aurelio De Laurentiis. Ma va sempre ricordato come Romafides sia una costola di Mediocredito, quindi di Carraro, ma soprattutto di Geronzi.

 Ma che il potere nel calcio sia concentrato nelle mani di Geronzi lo dimostrano ancora due ulteriori fatti: capitalia detiene una parte consistente delle azioni della Roma (49%) ed è il primo creditore di Telecom e Pirelli - vale a dire l’Inter. 
IL BOSS MAFIOSO TRONCHETTI & IL MINUS HABBENS MASSIMO

Ma per rinsaldare ancora di più questi rapporti tra questi colossi c’è da dire anche che, il colosso bancario guidato da Geronzi ha passato il 20 per cento delle azioni Mediocredito al gruppo Fininvest (è dire Milan), e il gruppo Pirelli (è dire Inter), più un centinaio di milioni di euro prestati alle squadre, Roma, Milan e Inter.
scritto da aRagioneBeccantini 25/2/2007 21:13
------------------------------------------------------
SIGNOR BECCANTINI, PERCHE' LEI LO HA SEMPRE TACIUTO? NON CREDO POSSA ESSERE PER DIFENDERE IL MASSONE GERONZI ED I SUOI ACCOLITI. PENSO PIUTTOSTO CHE SE AVESSE ATTACCATO GERONZI, AUTOMATICAMENTE SI SAREBBE SBUGIARDATO E SPUTTANATO SULLE NEFANDEZZE SCRITTE SU GIRAUDO-MOGGI E LA JUVENTUS! 
STA PROPRIO BENE IN QUEI COLORI! 

LA SUA, UNA VITA SENZA SENSO! OPPURE SI... UNA VITA VISSUTA COME L'INFAME NAZISTA "joseph goebbels": AL SERVIZIO DEL MALE? BUGIARDO, FALSO, CATTIVO!  
ILVOLTO DEL PECCATO!



Nessun commento: